CELLULARE SOTTO IL CUSCINO! CHE DANNO…

Ormai il cellulare è diventato un oggetto indispensabile… Quasi da diventarne dipendenti, schiavi e maniaci!
Lo portiamo con noi in ogni posto, ci segue ovunque, fino addirittura anche in bagno…
Questa è la quotidianità del 85%  della gente che utilizza lo smartphone, i quali hanno fatto del telefono, un compagno di vita inseparabile.

Queste brutte abitudini, ci fanno male e non ce ne rendiamo davvero conto.

Sono stati effettuati dei test. Gli esperimenti effettuati  mostravano la quantità di radiazioni alle quali il nostro corpo veniva esposto ogni volta che si usava il cellulare o lo si teneva vicino. Quello che è emerso è davvero poco confortante: anche utilizzando il cellulare per soli 15 minuti possono insorgere seri danni cerebrali ed addirittura può causare l’insorgenza di cancro. Soprattutto quello al cervello.

Dovete sapere che tutti i cellulari devono essere testati prima di poter entrare in commercio, inoltre sono regolamentati da normative molto rigide. Ciò che viene puntigliosamente valutato sono la quantità di radiazioni emesse le quali possono essere assorbite dal nostro corpo. Si tratta del cosiddetto SAR . Questo acronimo sta per “Specific Absortion Rate” che in italiano significa: “Tasso di Assorbimento Specifico“.
Sostanzialmente tale valore misura la quantità di energia elettromagnetica assorbita dal corpo umano, quando lo stesso viene esposto ad campo elettromagnetico a radio frequenze.

Ma cosa serve il Sar?

Esso è utilizzato per stabilire dei parametri standard che i cellulari devono rigorosamente rispettare al fine di garantire la sicurezza di coloro che li utilizzano.Per la normativa europea, il valore consentito è di 2W/Kg, misurati su 10 grammi di tessuto.

COSA PUO’ PROVOCARE UN’ECCESSIVA ESPOSIZIONE AD UN SAR ELEVATO?

Ovviamente nulla di buono. Ad affermare ciò è proprio l’ associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc), la quale sostiene che  l’eccessiva esposizione ai campi magnetici provoca il riscaldamento delle parti più esposte e l’interazione nociva dei tessuti biologici con le onde elettromagnetiche comportando dunque, l’ insorgenza del cancro.
In questa categoria rientrano: forni elettrici, microondi ma anche il cellulare…

COSA BISOGNA FARE PER DIMINUIRE LE RADIAZIONI?

  • E’ assolutamente sconsigliato avere il cellulare in tasca, vicino i genitali e a contatto diretto con la testa. Se dobbiamo fare delle telefonate lunghe è preferibile indossare un auricolare il quale ci salva dall’eccessiva esposizione alla radiazioni.
  • Mai utilizzare un dispositivo là dove il segnale è scarso o pressoché nullo, questo perché più il segnale è scarso e più lo smartphone emette radiazioni
  • Non posizionate mai l’orecchio a contatto diretto con lo smartphon, è buona abitudine staccarlo di almeno 4 cm.
  • Evitare di metterlo a caricare sotto il cuscino o sul comodino. E non lasciatelo in carica per una notte intera.
  • Non avvicinatelo troppo alla testa dei vostri bambini, soprattutto se sono piccoli e se ci tenete alla loro salute.
  • Non state al telefono per più di 20 minuti consecutivi e se è possibili utilizzate l’ auricolare.

Sul sito www.tecnologici.net è stata stilata una lista dei dispositivi con Sar elevato e Sar basso. Ecco lo schema:

Smartphone con l’indice SAR più basso (dati aggiornati al 2016)
smartphone con l’indice SAR più basso

Smartphone con l’indice SAR più elevato (dati aggiornati al 2016)

smartphone-con-lindice-sar-piu-elevato

Ovviamente non bisogna fare allarmismi, bisogna solo utilizzare i vari dispositivi in modo responsabile!

Quindi…Se avete uno smartphone appartenente a quelli con elevate emissioni di Sar, fate attenzioni ed utilizzate tutti gli accorgimenti del caso.

 

DA:”SALUTECOBIO”

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *